Ville sotto l' occupazione: Fontainebleau.

Fontainebleau 1940,  Fontainebleau ww2

La Francia è un paese ricco di arte, in parte preda di guerra mai restituita (Napoleone !); ma anche ricca di ville lussuose che certamente a Parigi non mancano. Solitamente ai soldati provenienti dalle campagne, non interessava visitarle come facevano i loro superiori, ma preferivano il "divertimento" di Parigi. Gli ufficiali, ma anche i generali, amavano e studiavano l' arte. Infatti quasi tutte le foto scattate a Versailles o Fontainebleau dimostrano il loro interesse artistico e culturale, soprattutto verso il mito di Napoleone.

Molto spesso, come successe anche in Italia, le ville più belle erano requisite da ufficiali o da chi aveva potere; potevano quindi usufruire di un soggiorno a cinque stelle in tutti i sensi. Infatti, sia Versailles che Fontainebleau furono occupate fino al 1944.

FONTAINEBLEAU

Ufficiali tedeschi camminano in direzione dell' uscita. (castello di Fontainebleau.)

Vista laterale del castello.

Galleria Diana con annessa libreria .

Soldati osservano i dipinti assieme alle guide all' interno della galleria Francesco primo.

La sala da ballo.

Ufficiali Wehrmacht e Kriegsmarine ascoltano la guida e osservano il camino nella sala delle guardie.

Il lago dietro il castello.

Foto di gruppo nelle scale all' entrata del castello: in primo piano un ufficiale della Luftwaffe.

Cuochi tedeschi a riposo nel castello di  Fontainebleau: si notano  sullo sfondo le mura del castello.

Fontainebleau, entrata.

Facciata davanti del castello, foto di gruppo con il Generale Ruoff(?) .