Zavia


Zavia o Zawia o الزاوية è una cittadina libica della regione della Tripolitania, capoluogo anche dell’ omonimo distretto. È situata a 50 km da Tripoli nella pianura del Gefara.

Nel 1912 il Generale Ottavio Longhi decise di estendere il territorio “Italiano” e quindi di annettere anche le zone non ancora sottomesse. Tra queste individuiamo Aziza, Agelat e molte altre. Zavia proprio per la vicinanza da Tripoli fu uno dei primi obiettivi.

Le operazioni militari vennero assegnate al Generale Tommaso Lequio a comando della prima divisione, ovvero:

  • 23 reggimento
  • 82 Reggimento
  • 11 reggimento Bersaglieri
  • I battaglioni alpini: “Feltre”, “Tolmezzo”, “Vestone” e “susa”
  • Un battaglione del 52 reggimento
  • Due squadre di cavalleggeri
  • 3 Battaglione Eritreo
  • E artiglieria di vario genere.

Zavia fu occupata il 4 Dicembre 1912.

Prima guerra mondiale a Zavia

Con la prima guerra mondiale, e l’utilizzo della maggior parte delle risorse in patria, i territori italiani in Libia sono pressoché indifesi. Vediamo infatti uno scenario di abbandono di citta e fortificazioni.

I ribelli o indigeni, riuscirono ad organizzarsi e a collaborare organizzando così delle rivolte armate. Tratti di ferrovia, imboscate e tutto quello che poteva servire agli italiani venne irrimediabilmente compromesso o danneggiato. Gli Italiani in una situazione così disastrosa si ritirarono da numerose città per andare nella zona costiera per potersi difendere meglio e organizzare un contro attacco.

Nella riconquista i ribelli erano stati abilissimi nelle imboscate e infatti dei 2235 uomini della colonna ne arrivarono a Zavia solamente 250. Ci furono casi di ammutinamento e suicidi.  Da Nalut, una colonna di quasi 900 uomini si ritirò successivamente a Zuara, ma non riuscirono a fortificarsi mentre i ribelli attaccavano incessantemente. Le sorti ormai erano decise.

Moltissimi italiani furono uccisi e fatti prigionieri e il comandante trattò la resa.

Zuara venne abbandonata il 17 luglio 1915.  A fine 1918 si segnalano bombardamenti aerei italiani su Zavia, Garian, Suani Beni Adem e Zilten.

La cittadina venne rioccupata il 23 Aprile 1922.

Anni 30 e seconda guerra mondiale a Zavia

 Nel 1939 gli italiani a Zavia erano 2040 ovvero il 6% della popolazione. 

Fu costruita una piccola caserma per una compagnia di fanteria e il castello venne ristrutturato ampliandolo per l’arrivo di nuovi uffici, infermeria e altri servizi.

Per la cittadina passava una rete stradale di circa 120 km che partiva da Zuara e arrivava a Tripoli e per la rete ferroviaria era una delle stazioni toccate dai treni con partenza Tripoli e arrivo a Ferua.

Risulta anche la presenza un importante tribunale militare, molto probabilmente una sede distaccata del tribunale di Tripoli

Zavia nel 1940

Dal 1937 al 1941, a Zavia ha sede l’86 Reggimento di fanteria “Verona” aventi tre battaglioni di fucilieri, una compagnia di mortai da 81 e alcuni pezzi da 65/17 con a comando i colonnelli Renato Castrignanò e Riccardo Velosa.

Nei primi di Gennaio 1941 la compagnia subì numerose perdite e in giugno i resti del 86 reggimento fu accorpato nel reggimento di fanteria “Sabratha”.

Ai primi del 1941, precisamente il 9 febbraio, la 21 squadriglia, con i loro S.M. 79, atterrarono, forse in un campo o in una piccola pista, a Zavia: era l’ultima tappa prima del rientro in Italia dopo 8 mesi di operazioni nel fronte Africano.

Il 18 Luglio 1941 il 1 Battaglione carabinieri Paracadutisti, arrivato alla mattina a Tripoli per arrestare gli attacchi e difendere le vie di rifornimento italiane; il battaglione si fermò a Zavia per acclimatarsi al nuovo clima e dormire alcune ore.

Il 1 battaglione carabinieri Paracadutisti tra agosto e ottobre 1941 portò a termine oltre 224 missioni ricognitive.

CAMPO PER PRIGIONIERI DI GUERRA DI ZAVIA N. 158

Nei 13 campi per prigionieri allestiti in Africa settentrionale dal 1941, c’è un campo anche a Zavia.

Entrato in funzione nell’ ottobre 1942, nei pressi della strada Tripoli – Zavia. Il campo venne costruito forse proprio per l’alta concentrazione di prigionieri alleati, che tra Luglio 1942 e Ottobre 1942, variavano dai 37000 ai 22000.

Come per Tripoli, Zavia fu liberata e occupata dagli alleati il 23 Gennaio 1943.

Foto miniatura: https://mawdoo3.com/

Foto copertina: Archivio personale

Fonti:

  • “L’ aeronautica italiana nelle guerre coloniali Libia 1911 1936” di ufficio storico, aeronautica militare.
  • “Storia Coloniale dell’Italia contemporanea” di Ciasca Raffaele.
  • Biografia del Generale Giovanni Battista Marieni.
  • “Giustizia e sentenze militari” di ufficio storico esercito difesa.
  • Carabinieri.it documenti sulla storia dell’arma.
  • Ufficio storico dello stato Maggiore dell’esercito.
  • “Guida breve d’ Italia Vol. 3 – Italia meridionale insulare – libia” 1939
  • “Storia dell’aviazione militare italiana” di Giulio Lazzati

Zavia, presa del castello 4 Dicembre 1912

 الزاوية, Zawia, Zavia, tripolitania, Zavia 1912, zavia 1940, Zavia 1941, Zavia 1942, zavia 1943, Colonialismo italiano, Generale Tommaso Lequio, 86 Reggimento di fanteria Verona, 1 battaglione carabinieri paracadutisti, campo prigionieri zavia 158, Libia fascismo

Sempre il 4 Dicembre 1912

 الزاوية, Zawia, Zavia, tripolitania, Zavia 1912, zavia 1940, Zavia 1941, Zavia 1942, zavia 1943, Colonialismo italiano, Generale Tommaso Lequio, 86 Reggimento di fanteria Verona, 1 battaglione carabinieri paracadutisti, campo prigionieri zavia 158, Libia fascismo
error: Content is protected !! © Archivio storico Galvanin
Menu
Archivio storico Galvanin